Vi presento il TANGO "alcune citazioni"

Struggenti note inebriano l’anima,

ti avvolgo nel mio abbraccio
e partiamo per questo viaggio chiamato tango.
La musica guida i nostri passi
Energie fluttuanti scorrono tra noi
giocando a inseguirsi,
ispirate da ricordi incancellabili
come graffi nel cuore.
Sento il tuo profumo evocare terre lontane,
sguardi intensi e silenzi pieni di parole.
E vorrei allontanare il momento in cui
una cortina romperá  l’incantesimo.

 

Il tango è il ballo di coppia più affascinante. Possiamo apprezzare senza difficoltà quello che lo distingue dal resto dei balli di coppia:

un'eleganza distinta e una sensualità seducente si trascinano nel ritmo della musica ... un abbraccio stretto e morbido saranno la sua essenza.

 

Chiudi gli occhi e vivi il tango lasciandoti trasportare dalla musica e dal ballerino che ti conduce con l'energia del cuore e non solo della tecnica ... fa la differenza! Ascolta le sensazioni, le emozioni ... riuscirai a vivere quel tango con grande passione anche solo con l'abbraccio e la caminada!

Cetti Aliquò

 

Il tango non è maschio; è coppia: cinquanta per cento uomo e cinquanta donna, anche se il passo più importante, l' "otto", che è come il cuore del tango, lo fa la donna. Nessuna danza popolare raggiunge lo stesso livello di comunicazione tra i corpi: emozione, energia, respirazione, abbraccio, palpitazione. Un circolo virtuoso che consente poi l'improvvisazione.

Miguel Ángel Zotto

 

....Non c'è altra attività civilizzata in cui il maschio possa marcare ciò che desidera e in cui la donna decida di seguirlo, consegnandosi fiduciosa, sicura. Il tango argentino è l'unico contratto che non si può rompere. Forse per questo è diventato la mia passione fin dal primo giorno, ormai lontano, in cui lo scoprii in un locale di Buenos Aires...

Da "Cuore di tango" di Elia Barcelò

 

Il Tango è l'intimità più segreta, è il grido che si innalza nudo.

Enrique Santos Discepolo

 

Notizie

PERCHE' WE TANGO?

09.09.2013 09:00
Perchè  WETANGO? Quando iniziammo a ballare ed a insegnare non avevamo un sito dove...